logotrasparente1
alta imgalta

Calendario Corsi

Galleria Fotografica

foto

Galleria Video

foto

Normativa

normativa

Leggi Tutto

Riconoscimenti

normativa

Leggi Tutto

Informazioni

normativa

Leggi Tutto

FAQ



1. Che cos'è la Certificazione Energetica?

2. Quali sono i parametri che vengono presi in considerazione per la Certificazione Energetica?

3. Cosa sono le Classi Energetiche?

4. Cos’è l’Attestato di Certificazione Energetica?

5. Chi rilascia l'attestato di certificazione energetica?

6. Chi è e cosa fa il Certificatore energetico?

7. Per quanto è valido un attestato di Certificazione Energetica?

8. Quando serve l'attestato di Certificazione Energetica?

9. Quali regioni hanno una normativa di riferimento per la Certificazione Energetica?

10. Quanto costa il servizio di Certificazione Energetica di un edificio/immobile?

11. In caso di vendita dell'immobile a chi spetta pagare la certificazione?

12. L'attestato di Certificazione Energetica mi serve ai fini fiscali?

13. Cos'è la Diagnosi Energetica?

14. A chi serve la Diagnosi Energetica?




1. Cos'è la Certificazione Energetica? Torna su

R: La certificazione energetica ha la funzione di attestare la prestazione e le caratteristiche energetiche di un edificio, in modo da consentire una valutazione di confronto di tali caratteristiche rispetto ai valori di riferimento previsti dalla legge.

2. Quali sono i parametri che vengono presi in considerazione per la Certificazione Energetica? Torna su

  • Le caratteristiche e lo stato di conservazione dell'involucro dell'immobile (pareti esterne ed interne, tetti, pavimenti, infissi etc.);
  • Le caratteristiche dell'impianto di climatizzazione invernale;
  • Le caratteristiche dell'impianto di produzione di acqua calda sanitaria;
  • Le caratteristiche dell'impianto di climatizzazione estiva ;
  • Le caratteristiche dell'impianto di illuminazione artificiale.

3. Cosa sono le Classi Energetiche? Torna su

R: La classe energetica indica il livello di efficienza energetica di un edificio prendendo in considerazione il consumo di energia primaria, misurata in kWh annui, dell'edificio. A livello nazionale le classi energetiche previste sono 8 e sono indicate dalle lettere che vanno dalla A (ottima efficienza), alla G (bassa efficienza) con l'introduzione della classa A+. I valori delle classi energetiche sono ora decretate a livello nazionale, ma le Regioni che hanno già una normativa sulla certificazione energetica (come Emilia Romagna, Lombardia, Liguria e Provincia Autonoma di Bolzano) hanno valori di appartenenza alle classi energetiche differenti.

4. Cos'è l'Attestato di Certificazione Energetica? Torna su

R: L'attestato di Certificazione Energetica è un documento redatto da un professionista specializzato iscritto all'albo dei certificatori energetici della regione di riferimento o da un organismo preposto, sulla base di criteri generali e di apposite metodologie di calcolo.

5. Chi rilascia l'attestato di certificazione energetica? Torna su

R: Può rilasciare l'attestato di certificazione energetica un professionista iscritto all'albo dei certificatori energetici della regione di riferimento. Un certificatore accredito in una regione può certificare solo in quella regione e in quelle che non hanno emanato una normativa di riferimento.

6. Chi è e cosa fa il Certificatore energetico? Torna su

R: La certificazione energetica ha la funzione di attestare la prestazione e le caratteristiche energetiche di un edificio, in modo da consentire una valutazione di confronto di tali caratteristiche rispetto ai valori di riferimento previsti dalla legge.

7. Per quanto è valido un attestato di Certificazione Energetica? Torna su

R: La certificazione energetica ha la funzione di attestare la prestazione e le caratteristiche energetiche di un edificio, in modo da consentire una valutazione di confronto di tali caratteristiche rispetto ai valori di riferimento previsti dalla legge.

8. Quando serve l'attestato di Certificazione Energetica? Torna su

R: Dal 1° luglio 2009 è diventato obbligatorio l'Attestato di Certificazione Energetica per i seguenti casi:

  • Edificio/Immobile oggetto di compravendita (anche nel caso di riscatto da leasing)
  • Edificio/Immobile oggetto di locazione
  • Edificio/Immobile soggetto a ristrutturazione, per cui è necessario richiedere la concessione edilizia
  • Edificio/Immobile di nuova costruzione
  • Richiesta di incentivi ed agevolazioni (fondo perduto, credito d'imposto, detrazione d'imposta) qualora si realizzino interventi per l'abbattimento dei consumi energetici. (Ad es. Sostituzione dell'impianto di riscaldamento e/o di climatizzazione, realizzazione di impianti da fonti rinnovabili – fotovoltaico, solare, cogenerazione, eolico, ecc. – o sostituzione di infissi, rifacimento del tetto, dell'involucro o del pavimento di un edificio).

9. Quali regioni hanno una normativa di riferimento per la Certificazione Energetica? Torna su

R: Emilia-Romagna,Lombardia, Liguria e la Provincia Autonoma di Bolzano hanno una normativa di riferimento per la Certificazione Energetica. Le altre regioni e province autonome non hanno una normativa di riferimento e quindi si rifanno alla normativa e alle linee guida nazionali.

10. Quanto costa il servizio di Certificazione Energetica di un edificio/immobile? Torna su

R: Non esiste un listino che prevede un prezzo per determinate tipologie di edifici, il prezzo dipende dalla dimensione dell'immobile, dalla tipologia degli impianti presenti, quantità e qualità del materiale che il cliente ci mette a disposizione. Comunque per ricevere la visita gratuita e senza impegno di un consulente Genia Business, non esiti a compilare il modulo di richiesta visita o a chiamarci.

11. In caso di vendita dell'immobile a chi spetta pagare la certificazione? Torna su

R: Se il documento non è già presente è onere del venditore fornirlo, pertanto è proprio il venditore che deve pagare un certificatore energetico affinché rediga una certificazione. Questo ovviamente salvo diversi accordi. (cfr. d.lgs. 311/06, art. 2. Modifiche all'articolo 6 del decreto legislativo 19 agosto 2005, n. 192).

12. L'attestato di Certificazione Energetica mi serve ai fini fiscali? Torna su

R: Per accedere a incentivi, agevolazione e sgravi fiscali per la realizzazione di interventi di riqualificazione energetica è necessario che un certificatore energetico (terzo rispetto a chi ha effettuato gli interventi) verifichi che le opere effettuate abbiano apportato effettivamente un risparmio in termini energetici rilasci l'Attestato di Certificazione Energetica.

13. Cos'è la Diagnosi Energetica? Torna su

R: La Diagnosi Energetica si pone l'obiettivo di capire in che modo viene utilizzata l'energia in un sistema, quali sono le cause degli eventuali sprechi e di elaborare un piano energetico che valuti non solo la fattibilità tecnica, ma anche e soprattutto quella economica delle azioni proposte. Una Diagnosi Energetica completa prende in considerazione sia l'involucro (strutture, infissi , impianto di riscaldamento, impianto per la produzione di acqua calda sanitaria, impianto di raffrescamento) che il processo produttivo (consumi e modalità di utilizzo dei macchinari e delle apparecchiature).

14. A chi serve la Diagnosi Energetica? Torna su

R: Alle aziende che:

  • Hanno forti consumi energetici e vogliono risparmiare (anche in vista di un ormai certo rialzo del prezzo del petrolio).
  • Intendono adeguarsi alle attuali e (future) normative europee e nazionali.
  • Hanno a cuore il futuro del nostro pianeta.




ALCUNI NOSTRI CLIENTI

SEGUICI SU

facebook Facebook

twitter Twitter

linkedin Linkedin

youtube You Tube

Progetti Formativi

Accreditamenti

Paga il tuo corso

CONTATTI



icona Indirizzo: Viale della Libertà 106, 95129 Catania

icona Tel: +39 095 449778

icona Fax: +39 095 2246113

icona segreteria@eraclitea.it

icona eraclitea@pec.it

Copyright © Certificatore Energetico - Contatta il Webmaster